Emma dell’ermellino
Emma dell’ermellino
Autore: BEATRICE MASINI Nel cuore della vecchia Milano, c?? un antico palazzo che racchiude un giardino segreto. Emma ha un solo desiderio: entrarvi e scoprire chi era la bambina vissuta l? cinquecento anni prima, ai tempi di Leonardo da Vinci. Una bambina che, anche lei, aveva un solo desiderio: uscire da quel giardino e scoprire il mondo.
nessuna recensione 7,75 Aggiungi al carrello
Ernest e Celestine
Ernest e Celestine
C'erano una volta due mondi, quello degli orsi e quello dei topi. Due universi distinti che si evitavano l'un l'altro, guardandosi con sospetto. A scombussolare l'ordine stabilito saranno Ernest, il pacifico orso, e la topina aspirante pittrice Celestine, che diventeranno amici scatenando un putiferio. Et? di lettura: da 5 anni.
nessuna recensione 14,90 Aggiungi al carrello
Saldi! Fiato sospeso
Fiato sospeso
Tutti i bambini, prima o poi, passano quella fase in cui provano a entrare nello spazio fragile e bellissimo che si apre con la ricerca di libert?: un periodo in cui si vive con il fiato sospeso. Sospeso come prima di un tuffo. Sospeso come sott?acqua prima di iniziare a espirare in mille bolle. Sospeso come quando avviene qualcosa che non ti aspetti. Quello che Olivia non si aspetta ? che tutto possa cambiare grazie al coraggio che nasce dall?amicizia e dalla fiducia in s? stessi. Olivia sceglie di uscire dal guscio di protezione e isolamento che negli anni si ? come chiuso attorno a lei. Fa questa scelta buttandosi in un?impresa avventurosa per aiutare quella che fino a poco tempo prima era la sua rivale, ma che ora, cacciatasi in un grosso guaio, chiede il suo aiuto. Al suo fianco ci sar? Leonardo, il suo amico di sempre.
nessuna recensione 16,90 16,50 Aggiungi al carrello
Fior di Giuggiola
Fior di Giuggiola
Quando Farafina decide di regalare alla mamma per il suo compleanno un bebè trovato nella giungla, i suoi numerosi fratelli e sorelle sono felici ma la mamma è piuttosto reticente. «Perché non lo affidiamo a zia Dorotea?» I bambini si ribellano: «Zia Dorotea ha un carattere troppo brutto… e ha i peli sul mento… e punge quando ti abbraccia». Ai bambini non rimane che darsi un gran da fare finché la mamma sarà conquistata dalla nuova bambina che sarà chiamata Fior di Giuggiola. Un libro che riacconta l'amicizia e la complicità tra fratelli e sorelle. Premio Grinzane Junior 2001
Di origine alsaziana, nasce in Angola nel 1954. Studia in Belgio, poi segue a Losanna l'Accademia di Belle Arti dove frequenta i corsi di arte grafica. Torna in Belgio dove lavora in un'agenzia di pubblicità e collabora a diverse riviste. Il suo primo libro per bambini viene pubblicato nel 1978. Vive a Losanna con il marito e la figlia.
nessuna recensione 13,00 Aggiungi al carrello
Fratelli
Fratelli
Il protagonista di questo bellissimo libro scrive sul diario del fratello minore, morto da qualche mese, e ripercorre il suo rapporto con lui, i legami di affetto, il significato della morte mentre attraverso un percorso doloroso, che riesce a fissare sulla carta, trova il coraggio di affrontare e accettare la propria omoses-sualità. Temi difficili ma trattati con grande delicatezza ed efficacia, che lasciano spazio a riflessioni e sensazioni, pensieri e paure che attraversano la mente di molti addolescenti. Annalisa Brunelli, HaccaParlante 4, dicembre 2005, 96. Le incertezze dei primogeniti possono anche dipendere da altro: in Fratelli, dell'olandese Ted van Lieshout, (…), il dialogo nasce soltanto dopo la morte del più piccolo, il quattordicenne Maus, quando il sedicenne Luuk, si impadronisce del suo diario per impedire che venga bruciato nel grande falò che la mamma vuol fare con tutte le cose del figlio perduto. Luuk rispetta la privacy del fratello (una fissazione materna) e inizialmente non legge quanto ha scritto, limitandosi a riempire le pagine bianche con le proprie angoscie: si tortura nel dubbio di essere gay. Ai suoi occhi Maus pareva felice, senza problemi. Eppure, quando si ammala, deperendo a vista d'occhio, i medici dichiarano che ha la sindrome del fratello minore, che si sente poco amato. Un errore clamoroso: soltanto con l'autopsia si saprà che è stato colpito da un morbo assai raro, di carattere ereditario. Di fatto, i due ragazzi si ritrovano solo attraverso la pagina scritta, oltre la morte. Il libro, coronato dallo Zilveren Zoen 1997 e dal Deutscher Jugendliteraturpreis 1999, è uno dei pochi in cui i genitori – nonostante i tic e le stramberie – sono all’altezza della situazione.
nessuna recensione 12,00 Aggiungi al carrello
Fuoco a scuola
Fuoco a scuola
Nella scuola di Ciccio tutti gli alunni si somigliano: sono tutti dei paffuti e allegri maialini. Solo Lu è diverso, lui è un lupacchiotto solo e in difficoltà e ha un unico amico: Ciccio, un maialino diverso dagli altri. Lui vede le ingiustizie e cerca di impedirle. Entrambi i cucioli capiscono in fretta che cosa sia il pregiudizio ma, con l'aiuto di alcuni adulti, cercheranno di cambiare il modo di pensare di molti.
Nasce a Bruxelles nel 1958 da madre belga e da padre portoghese. Compie i suoi studi in comunicazione grafica e diviene illustratore lavorando soprattutto nel campo del disegno pubblicitario e della stampa. Influenzato dal lavoro di Tomi Ungerer e Saul Steinberg, diviene illustratore di libri per l’infanzia nel 1992. Muore nel 2012.
nessuna recensione 12,00 Aggiungi al carrello
Saldi! Giochi di luce
Giochi di luce
Nuova edizione! Con un testo in cui l’autrice racconta com’è nato Giochi di luce. Una notte in tenda nel bosco diventa una fantastica avventura. Un bambino si aggira con la sua torcia elettrica tra le meraviglie che lo circondano: piante, insetti, animali… Divertitevi con lui a trovare i dettagli nascosti in ogni pagina e a scovare l’orsetto lavatore!
Un piccolo capolavoro senza parole, vincitore del Bologna Ragazzi Award 2015. “Spassoso e delicato” – The New York Times “Il libro più bello del 2014” – The Boston Globe
nessuna recensione 14,90 14,00 Aggiungi al carrello
Giordano del faro
Giordano del faro
Un dialogo inaspettato fra due bambini, che viaggia sulle onde del mare. "Chi c'è al di là del mare?" chiede Giordano del faro. Una domanda antica come l'uomo. Giordano saprà attendere la risposta, portata dal mare amico. Una storia emozionante di viaggio, di ricerca, di mondi lontani e vicini, di un mare che può dividere e che può unire. Età di lettura: da 5 anni.
nessuna recensione 14,50 Aggiungi al carrello
Saldi! Giorno di neve
Giorno di neve
Oggi mi sono svegliato e la mamma mi ha detto che posso restare ancora a letto perché non c’è scuola. Il pulmino è rimasto bloccato per neve. LA NEVE? Non ho voglia di restare a letto! Voglio subito vestirmi e andare a giocare fuori ma la mamma me lo vieta. Posso solo fare una piccola uscita sul balcone. Con la mamma ci guardiamo intorno, tutto è tranquillo, non ci sono automobili né passanti. Ascoltiamo il silenzio della neve che cade e si ha l’impressione di essere soli sulla terra…
Nasce nel 1966 in Giappone nella privincia di Hyogo. Dopo gli studi artistici all’Università di Tokyo, comincia a disegnare tessuti prima di approdare al mondo dei libri per bambini. Ha ricevuto il Japan Picture Book Award e il Premio Nati per Leggere con Akiko e il palloncino.
nessuna recensione 12,50 12,00 Aggiungi al carrello
Gli Ughi e la maglia nuova
Gli Ughi e la maglia nuova

Gli UGHI avevano una caratteristica: erano tutti uguali! Avevano lo stesso aspetto, gli stessi pensieri, e avevano le stesse passioni. Finché, un giorno, uno di loro ebbe un’idea… Ecco gli UGHI: per essere diversi! Gli irresistibili nuovi personaggi del geniale … Continua

nessuna recensione 15,00 Aggiungi al carrello
Grande
Grande
Il piccolo Kai sembra un po’ arrabbiato perché suo fratello Nui è diventato grande. In realtà non un po’: è molto arrabbiato. Talmente tanto che lascia la sua casa per girare nell’oceano. Durante il suo viaggio, incontrerà alcuni dei più saggi animali marini. Così, quasi senza chiederlo, quando ritorna a casa, Kai non sarà lo stesso pesciolino che avevamo conosciuto all’inizio dell’avventura.

Una storia tanto profonda quanto il fondo dell’oceano!

nessuna recensione 16,00 Aggiungi al carrello
Grande E-Book
Grande E-Book
Pablo Choca ISBN: 9788894231090
  • ANNO: 2019
Il piccolo Kai sembra un po’ arrabbiato perché suo fratello Nui è diventato grande. In realtà non un po’: è molto arrabbiato. Talmente tanto che lascia la sua casa per girare nell’oceano. Durante il suo viaggio, incontrerà alcuni dei più saggi animali marini. Così, quasi senza chiederlo, quando ritorna a casa, Kai non sarà lo stesso pesciolino che avevamo conosciuto all’inizio dell’avventura.

Una storia tanto profonda quanto il fondo dell’oceano!

nessuna recensione 3,00 Aggiungi al carrello
Saldi! Ho caldo
Ho caldo
Durante un caldissimo pomeriggio estivo, mentre il sole picchia inesorabile, un piccolo pinguino cerca un angolo d’ombra e, a furia di camminare, alla fine trova... l'ombra fatta da una foca! Però anche la foca soffre il caldo e non ha alcuna voglia di fare da ombrellone al pinguino. Così, i due compagni si mettono in marcia per cercare un angolo in ombra. Cammina cammina, alla fine trovano un posticino che fa al caso loro. Ah, che bel fresco! Stanno già molto meglio, peccato che sia l’ombra di... un ippopotamo! A mano a mano che ci si avvicina al tanto sospirato refrigerio, anche la combriccola di animali accaldati aumenta di numero, ma soprattutto... di dimensioni!
Nasce nel 1952. Laureata al Tama Art University lavora per uno studio di design. Conosce il mondo dell’illustrazione e dei libri per bambini frequentando la biblioteca e ben presto decide di dedicarsi alla letteratura per l’infanzia, pubblicando numerosi libri per i piccoli lettori.
nessuna recensione 11,50 11,00 Aggiungi al carrello
I fantastici cinque
I fantastici cinque
Angela, Ollie, Simona, Mario ed Eric sono un gruppo di amici speciali. Ciascuno ha un talento fuori dal comune. Un giorno, durante una gita in campagna, qualcosa va storto: ma collaborando e sfruttando le diverse abilit?, i cinque riusciranno in una grande impresa! Gli esuberanti disegni di Quentin Blake rappresentano un messaggio potente: il mondo diventa un posto migliore, se ci godiamo ci? che possiamo fare, anzich? fermarci a ci? che non possiamo. Dal mitico illustratore dei libri di Roald Dahl. ?Mi sono chiesto: perch? non rendere alcuni ragazzi disabili protagonisti del libro? E non per essere ?politicamente corretti?, ma per mostrare la vita com?? veramente?
nessuna recensione 12,90 Aggiungi al carrello
I pani d’oro della vecchina
I pani d’oro della vecchina
Nelle terre innevate del Nord uno strano prodigio trasforma Aurore in pietra, disorientando la sua trib?. La metamorfosi porta via anche la sua memoria, ma un misterioso animale della foresta, Vokko, ? pronto a farle da guida spirituale e indicarle la via per tornare alla sua gente e ai suoi genitori. Per riuscirci ? necessario inventare una canzone che sappia raccontare il suo popolo e la sua tradizione, per tramandare per sempre alle generazioni future chi sono e da dove vengono. ?In un paese abbracciato al corso del fiume, dentro una casa bislacca, abitava una vecchia. Si dava ogni giorno un gran daffare per cucinare tante golose pietanze, e poi, la sera, sedeva alla finestra e si cullava allo spettacolo della nebbia che, salendo lentamente dal fiume, inghiottiva ogni cosa. I giorni passavano, uno dietro l'altro, senza che la vecchina della casa bislacca se ne preoccupasse. Ormai era talmente vecchia da aver perso il conto dei suoi anni.? Siamo all'inizio della storia. In copertina e sui risguardi, la vecchina ? comparsa due volte, mentre ? intenta a raccogliere pagnotte rosse. Della stessa scena fa parte una figura scura, senza volto, ha gambe corte, piedi e mani piccole. Pare aiuti la vecchina nella raccolta dei pani. Forse si conoscono, forse stanno per conoscersi. Non pare che l'uno disturbi l'altra, nell'aria c'? concentrazione e silenzio. [...] Quella della vecchina ? una presenza ardente, come dimostrano le pagine successive. La sua casa nel bosco ? il cuore della scena, ha in comune con la sua padrona il calore che emanano i corpi vivi. Siamo certi della presenza della vecchina dentro quelle mura, perch? da esse procede la stessa energia proveniente dalla figura della donna, quando si mostra esteriormente. Questa corrispondenza tra corpo visibile e corpo invisibile, ? particolarmente importante in una storia dove le dimensioni della comparsa e della sparizione sono determinanti. I Pani d'Oro della Vecchina racconta ai bambini la storia di una vita che continua in una morte. Potremmo affermare anche il contrario, cio? che I Pani d'Oro della Vecchina racconta ai bambini la storia di una morte che continua in una vita. [...] Cosa c'entra la bont? di un pane con la bont? d'animo? Scrive Simone Weil, in un breve saggio intitolato La persona e il sacro (Adelphi, 2012), che ?Dalla prima infanzia sino alla tomba qualcosa in fondo al cuore di ogni essere umano, nonostante tutta l'esperienza dei crimini compiuti, sofferti e osservati, si aspetta invincibilmente che gli venga fatto del bene e non del male. ? questo, anzitutto, che ? sacro in ogni essere umano.? ? questo che trattiene e sconcerta la morte tutte le volte che le si presenta l'opportunit? di rapire la vecchina e poi non lo fa. Per le stesse ragioni, la morte narrata da Gozzi e Lopiz non ? temuta, le si pu? parlare, la si pu? incontrare, si pu? con essa cercare il dialogo e ad essa accompagnarsi senza provare paura, pur sapendo che chi ? vivo trapasser?. Della morte abbiamo talvolta una percezione parziale, primitiva, intrisa di negativit? e di violenza. Escludiamo di poterci avvicinare a lei, comprendendola con dolcezza, come fa la vecchina e dubitiamo che l'infanzia possa entrare in questi discorsi senza subire traumi. I Pani d'Oro della Vecchina disarma l'esercito di tab? che cinge l'argomento ?morte? nella societ? contemporanea e mette in moto modi di pensare e di guardare alla morte e alla vita che non credevamo possibili, prima di avere letto il libro. Tra arte di impastare e filosofia scopriamo esserci punti di contatto. ?Il sapore dolce e speziato scompigli? la Morte, il pane sapeva tanto di Vita. [?] ?Squisita,? disse la Morte masticando. ?Ma non mi far? incantare un'altra volta, ormai il tuo Pane l'ho mangiato. Non perder? altro tempo. Vieni con me. Adesso.? ?Ma signora Morte, non ? certo per il Pane Dolce che ho abbrustolito tutte queste mandorle. I bambini aspettano ogni anno che io le impasti in una dolce spuma bianca e le trasformi in tanti torroni. L'impasto morbido deve raffreddare e solo il giorno dopo diventa croccante. Il segreto ? solo aspettare.? Non siamo tra le pagine di un ricettario, ma vorremmo vederli e assaggiarli per davvero, una notte di Natale, i dolci di questa vecchina.
nessuna recensione 14,00 Aggiungi al carrello