Buongiorno Pompiere
Buongiorno Pompiere
Per il piccolo pompiere oggi ? una giornata movimentata. Una casa sta andando a fuoco! A quanto pare il suo proprietario voleva provare a fare i pop corn? Nemmeno il tempo di intervenire che il castoro corre a chiedere aiuto la sua foresta sta bruciando!
nessuna recensione 11,50 Aggiungi al carrello
Buongiorno sole
Buongiorno sole
Paloma Canonica
Buongiorno sole
Una breve storia del buongiorno, con calde illustrazioni per i più piccoli per regalare loro un buon risveglio ogni mattina.
Nelle pagine iniziali e finali sono riportate le immagini riquadrate degli oggetti presenti nel libro affinché il bambino possa riconoscere, additare e denominare le piccole cose che accompagnano la sua giornata.
I bohemini-mini: il mondo che il bambino conosce meglio visto attraverso i suoi occhi. I piccoli riti rassicuranti che scandiscono la sua giornata, in “microstorie” narrate con gli ingredienti della scoperta e dello stupore.
nessuna recensione 12,00 Aggiungi al carrello
C’è un torta che ti aspetta
C’è un torta che ti aspetta
Maialino non vede il suo amico da molto tempo e decide di inviargli un messaggio in una bottiglia. Un lungo viaggio fino all’altra sponda del mare ed ecco che l’invito arriva a destinazione. «Torni a trovarmi?» scrive. «Ci sarà la torta di mirtilli.» Il viaggio per ricongiungere i due amici inizia così e il loro tanto sospirato incontro prende forma passaggio dopo passaggio in un crescendo di emozioni. «Stai arrivando?» «Allora non dimenticare di portare lo spazzolino da denti» «Sulla torta non ci starebbe male un po’ di panna montata». Un affettuoso inno all’amicizia, al senso del viaggio, all’inesauribile magia del ritrovarsi.
Figlio del celebre illustratore e fumettista Friedrich Karl Waechter, nasce a Francoforte nel 1968 dove attualmente vive e lavora come illustratore freelance. Ha frequentato corsi di comunicazione e illustrazione presso la University of Applied Sciences in Mainz ed è stato cofondatore di Labor Ateliergemeinschaft, uno studio collettivo composto da illustratori, grafici e autori. Ha illustrato numerosi best-seller ed è stato premiato con importanti riconoscimenti.
nessuna recensione 10,00 Aggiungi al carrello
C’era una volta una Bambina
C’era una volta una Bambina
?C?era una volta?, ci dice il titolo: siamo nella fiaba, il patto di finzione ? stabilito, fin dall?inizio. In copertina il lupo, nero, e la bambina, rossa: una promessa di manicheismo morale, il bene e il male. Cappuccetto rosso, dunque, rito di passaggio, crescita: eh, s?, siamo indubbiamente nella fiaba. Apriamo il libro e? ci accorgiamo subito che le cose non prendono la via che ci aspettiamo. Ecco, per prima cosa incontriamo il bosco, due doppie pagine: bellissimo, il bosco di Joanna Concejo; non il bosco buio e spaventoso, ma odore di felci e abeti, qui, resina, aria buona, una luce calda che proviene dall?alto, a sinistra. Questo ci raccontano le due doppie pagine iniziali. Ma qual ? il mondo che circonda la bambina? La madre ? la grande assente in questa storia, la bambina ? ?invisibile?, sola, nessuno ad ascoltarla, la nonna ? una paladina degli stereotipi pi? biechi, intenta solo ad agitare un futuro catastrofico fondato su antichissimi dettati, fatto di ?attenta agli sconosciuti, attenta a te?, e nella sua casa, sopra la sedia del narratore, un chiaro monito: trofei di caccia alla parete. La fine ? nota. Molto efficace la prosa poetica di Giovanna Zoboli: come si potrebbero altrimenti rappresentare i mezzi discorsi, le frasi senza coraggio, il detto e non detto, i luoghi comuni con cui gli adulti si compattano ai danni dei ragazzi nell?et? della crescita, quando non sono pi? i piccoli, fiduciosi pargoli adoranti, pronti a seguire qualunque cosa venga loro dall?adulto, quando crescono e cercano il proprio posto nel mondo, quando avrebbero diritto ad essere creduti degni di fiducia, ritenuti capaci di autolimitarsi, di sbagliare e di imparare dagli errori e di capire in autonomia quando e dove sia il pericolo? Questa fraseologia poetica, mai compiuta, fortissima ? l? a descrivere la demagogia che circonda la bambina. Ma la bambina ? accolta dalla natura, dal bosco, grande, immenso protagonista di questa storia, che la ascolta, la vede, le parla e, soprattutto, ne ? ascoltato. Succede ogni duemila anni che qualcuno si accorga che il bosco ulula, fischia, s?, ma ? anche un meraviglioso, delicato, profumato, compagno di vita per noi esseri viventi su questo pianeta, necessario, il bosco, non per essere distrutto a nostro uso e consumo, ma come fonte di essenza, scoperta, di esperienza, soprattutto nell?infanzia. Il bosco si fa lupo, la bambina e il lupo si vedono, si parlano, si legano. [...] A chi parla questa storia? ? una fiaba, e come ogni fiaba, non ? scritta per bambini n? per aduti n? ? scritta per adulti per poi essere successivamente adattata ai bambini. Invece, come succedeva nei racconti del focolare, ? un racconto per tutti. Parla dunque ai bambini? Perch? no. Ognuno ne coglier? ci? che serve, riservandosi un livello di comprensione pi? profondo per il futuro. Agli adulti? Certo. Chi vorr?, sapr? ascoltare, guardare questa storia, queste immagini potenti, forse vivr? con un brivido il ricordo della propria adolescenza braccata, o magari pi? libera e selvaggia di quella che oggi ha deciso di concedere al proprio figlio. Ma soprattutto parla a loro, ai giovani, ai ragazzi in cerca di un luogo, di un ascolto, di una possibilit? di far vibrare il proprio presente, le proprie possibilit? di incontro, di vivere nella natura, e che invece, sempre pi?, si trovano soli, alle prese con le case, prigioni dorate, sempre pi? chiuse, alle prese con i ?non devi?. Da ? la parola che ci rende uguali, di Sonia basilico, in Il blog dei Topipittori, 16/03/2015 Il testo ? una rielaborazione della fiaba di Cappuccetto Rosso a cura di Giovanna Zoboli e le illustrazioni sono opera di Joanna Concejo. La Zoboli ? una scrittrice, editor e curatrice editoriale ed ? la fondatrice, insieme a Paolo Canton, della casa editrice Topipittori. Joanna Concejo ? un?illustratrice polacca. La sua matita ? precisa, paziente e minuziosa e le sue illustrazioni racchiudono un alone di sacralit? che le rende gravi e quasi spaventose. Nelle immagini della Concejo traspare qualcosa che si potrebbe chiamare ?anima?: niente ? affidato al caso, tutto nasce come frutto di una relazione profonda e vitale dell?illustratrice con il foglio e la matita. Vi si scorge una concentrazione assoluta, una devozione, quasi, nei confronti del disegno: le sue tavole sembrano emergere da un grande silenzio ed anche un grande freddo. Come se ogni tratto nascesse da un mondo lontano e saggio e arrivasse ad essere disegnato dopo avere percorso una strada di consapevolezza. Sono immagini sempre vive e piene di verit?: di verit? scomode, di solitudine, di introspezione, di coscienza. Tutto ha senso, quando ? la Concejo che disegna. E poi c?? la storia. La storia di tutti e di sempre, rivista con estrema raffinatezza dalla Zoboli. Una madre, una figlia, una nonna, un lupo, un cacciatore. E una casa e un bosco. C?era una volta una bambina. [...] Cappuccetto rosso ? sulla soglia: ferma appena prima del bosco, del sempreverde intenso degli abeti, il viso verso il lettore che gi? sa da dove viene e si immagina dove andr?. La macchietta rossa in tutto quel verde appare quasi una sfida a noi, che pensiamo di sapere tutto di lei, della sua disobbedienza, delle conseguenze. La bambina ? l?ultimo anello di un percorso di genealogia femminile: deve obbedire alla madre e prendersi cura della nonna. La madre nel libro non si vede e non viene mai viene nominata ma la dimensione femminile da cui prende il via la vicenda ? dichiarata subito: C?era una volta una bambina, una casa, una madre e una nonna. Fra la piccola e le sue ave c?? la casa, spazio privato di competenza femminile, luogo deputato all?apprendimento e all?esercizio dei suoi compiti. Noi conosciamo la storia e sappiamo perch? la bimba ? nel bosco, da sola, col vestito rosso e il cestino: sta obbedendo alla madre. Discendenza ed obbedienza ad un ordine dato - un ordine che ? quello del sentiero del bosco, un ordine che si ? imposto con la forza e la costanza di mille e mille anni di pratica della disciplina. Come il sentiero, creato dal continuo passaggio sul medesimo lembo rubato al bosco su cui alla fine non cresce pi? niente: come la cultura che si fa norma e si traveste da natura, regola fisiologica, e come tale indiscutibile. Quello che ho visto, nella scelta di questa bambina, ? la scelta di rompere con tutta una storia di adesione alla regola che ha impedito alle nonne, alle madri e alle figlie di uscire dal sentiero, conoscere chi abitasse il bosco e scegliere un linguaggio di scambio con l?altro. Luce Irigaray ha insegnato che l?ordine maschile ? stato fondato sul mutismo della donna e sulla rimozione della sua potenza generativa - non biologica ma simbolica: la pervasivit? del discorso maschile sul mondo ? tale da impedire alle donne anche solo di pensarsi e quindi di relazionarsi fra s? e con l?altro in maniera autonoma e consapevole della propria differenza. La madre e la nonna in questo albo sembrano perpetrare quella rimozione e quel discorso: non offrono alla figlia/nipote niente pi? che un sentiero gi? tracciato.
nessuna recensione 20,00 Aggiungi al carrello
Caccapup?
Caccapup?
C?era una volta un piccolo coniglio che sapeva dire solo una cosa: ?Caccapup?!?. Ogni mattina la sua mamma gli diceva: ?Su sveglia, mio piccolo coniglio!? e lui rispondeva: ?Caccapup??. Ma un bel giorno, il piccolo Simone ? perch? questo era il suo nome ?
nessuna recensione 5,80 Aggiungi al carrello
Calendario Dell’Avvento
Calendario Dell’Avvento

ASPETTA CON NOI IL NATALE! 24 libri editi Babalibri, natalizi e non, che accompagneranno il tuo bambino verso il Natale. Scarta ogni giorno un pacchetto per scoprire quale storia ti ha riservato il team di Saremo Alberi e fai il … Continua

nessuna recensione 149,99 Aggiungi al carrello
Cane nero
Cane nero
KATE GREENAWAY AWARD MEDAL 2013
Conoscete la leggenda del terribile Cane Nero?  Pare basti un suo sguardo per scatenare gli eventi più funesti. Così, quando una mattina d’inverno si presenta fuori dalla casa dalla famiglia Hope, tutti scappano impauriti. Tranne la giovane Small, che saprà riportare la bestia alle giuste dimensioni. Un libro, pluripremiato, che insegna ai bambini (e non solo) a guardare in faccia e ad affrontare le proprie paure e le proprie ansie, non importa l’età. Magari scoprendo che non sono poi così tremende come uno pensa.
nessuna recensione 15,00 Leggi tutto
Canto di Natale e altri racconti
Canto di Natale e altri racconti
La storia di Scrooge, il vecchio borghese ricco senza moglie. Lo spietato e avaro mercante, la cui vita si trasformerà dopo l’incontro con tre fantasmi: lo Spirito del Natale Passato, del Natale Presente, del Natale futuro. Oltre al più noto Canto di Natale in questo volume la raccolta completa di tutte le Christmas Carol di Dickens: Le campane, Il grillo del focolare, La battaglia della vita, Il patto col fantasma. Storie di fantasmi e di folletti, misteri e apparizioni: piccoli capolavori con protagonisti indimenticabili
nessuna recensione 13,50 Aggiungi al carrello
Capitombolo
Capitombolo
La paperetta de' Il Fatto è….è nuovamente presente e, proprio come nella scorsa storia, ugualmente tenace e caparbia. Su, avanti, chi non riconosce nella cocciutaggine dell’adorabile bestiola quella dei famosi “terrible two”? Se ne “Il fatto è” si rifiutava di farsi il bagno, qui la vediamo arrampicarsi intrepida sui rami di un albero, gettando in agitazione gli animali che a turno provano a farla scendere. Ritroviamo anche in questo caso la sequenza che vede alternarsi l’anatra, il gatto, il cane e il tacchino, in un crescendo che da un lato suscita ilarità e dall’altro aumenta la tensione del libro, senza però rinunciare a una buona dose di prevedibilità che si sa essere ingrediente prezioso per i piccoli lettori. Il finale, come sempre, è un colpo di scena che non vi svelo, anche se già dal titolo qualcosa s’intuisce. Vi basti sapere che Gek, come tutti i migliori autori per bambini. è dalla parte dei bambini.
nessuna recensione 9,00 Aggiungi al carrello
Cara Berilla Al centro della terra
Cara Berilla Al centro della terra
Bertilla ha un nuovo sogno: per festeggiare il suo nono compleanno andr? in gita al centro della Terra! Certo non ? facile: bisogna preparare con attenzione i bagagli (nessun dettaglio va trascurato) ed ? necessario che qualcuno di affidabile la accompagn
nessuna recensione 7,50 Aggiungi al carrello
Cara Bertilla? la luna di gruviera
Cara Bertilla? la luna di gruviera
Bertilla ha otto anni e mezzo e un sogno: andare sulla Luna per le vacanze estive. In cerca di informazioni, scrive una lettera al signor Pavel, bis-bis-bis-bis-bisnipote della cagnolina Laika, pioniera della spazio. Purtroppo il signor Pavel sa tante cos
nessuna recensione 7,50 Aggiungi al carrello
Caravaggio
Caravaggio
"Caravaggio, mi chiamo. Sono quello che sono e vi somiglio. Sono fuoco e quiete, sono fiamma e gelo. Nacqui di settembre, in Lombardia, nella grande città di Milano. Nacqui di settembre e non fui mai perfetto né celestiale. Nacqui pittore. Fui colui che per svelare la luce attraversò le ombre e il buio. Mi chiamo Michelangelo Merisi. Sono il Caravaggio." Età di lettura: da 6 anni.
nessuna recensione 14,50 Aggiungi al carrello
Catalogo dei genitori
Catalogo dei genitori
Genitori pesanti, stancanti, avari, appiccicosi, urticanti, barbosi, rompiscatole, sdrucciolevoli, lagnosi, bavettosi, chiacchierosi, scaccolosi, noiosi? Chi non ha mai sognato di cambiare i propri genitori? Con questo Catalogo, tutto ? possibile! Nuovi g
nessuna recensione 25,80 Aggiungi al carrello
Che cos’è un bambino?
Che cos’è un bambino?
?Un bambino ha piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo ha idee piccole.? Che cos?? un bambino vuole dirci chi siamo e il perch?. Sul volto ciascuno porta una storia diversa da leggere e da raccontare. Come questo libro e i ritratti che ne fanno parte. Ciascun bambino, dalla copertina in poi, porta su di s? tratti, pose, colori, segni, pensieri che lo rendono unico, in mezzo a tanti altri suoi simili. Che cos?? un bambino, tra un ritratto e l?altro, tra un bambino e l?altro, suggerisce di notare differenze. Vederle e nominarle non ? un atto discriminatorio. Serve, invece, a crearsi una grammatica visiva che ? pure una grammatica sentimentale. Se fossimo tutti uguali o ci vedessimo nello stesso modo, la realt? sarebbe piatta e ci sentiremmo terribilmente soli.
nessuna recensione 16,00 Leggi tutto
Che rabbia
Che rabbia
Roberto ha passato una bruttissima giornata. Ah! Che rabbia! Come se non bastasse il suo pap? lo ha mandato in camera sua senza cena. Roberto avverte una Cosa crescere dentro, la sente diventare sempre pi? grande e pi? incontenibile fino a quando.... Ecco
nessuna recensione 5,80 Aggiungi al carrello